OPA SU ASTM A €25,60: PREZZO TROPPO BASSO OCCORRE UN RILANCIO

nicolafinancial news, mazziero research, News, ricerca, visione mercati ABS0 Comments

Il 20 febbraio scorso NAF2, società collegata ad ASTM tramite la Nuova Argo Finanziaria, ha lanciato un’OPA totalitaria su ASTM al prezzo di €25,60 per azione, con lo scopo di giungere al ritiro dalle quotazioni su Borsa Italiana.

Nel documento preliminare all’avvio dell’offerta, che verrà concordata per i tempi con Borsa Italiana, la società motiva la valutazione in questo modo:

  1. Premio pari al 28,8% rispetto al prezzo ufficiale delle Azioni alla data del 19 febbraio 2021 (ultimo giorno di Borsa aperta prima della diffusione della presente Comunicazione);
  2. Premio pari al 36,3% rispetto alla media aritmetica ponderata dei prezzi ufficiali registrati dalle Azioni nei sei mesi precedenti la data della presente Comunicazione (inclusa).

A un primo esame ciò sembrerebbe congruo, ma occorre considerare che:

  1. Il 3 agosto 2018 il fondo Ardian acquisiva azioni ASTM pagando un corrispettivo  equivalente a circa € 36,60 per azione; poco tempo fa lo stesso fondo acquistava sul mercato azioni al prezzo di circa €21.
  2. Le condizioni dal 2018 ad oggi sono cambiate ma nel frattempo, nonostante la pandemia e la situazione politica italiana, l’azienda è cresciuta in Brasile, si è aggiudicata gare in USA e in altri paesi e sta per aggiudicarsene altre molto importanti nei prossimi mesi.
  3. Il valore attuale di ASTM sconta due situazioni eccezionali e del tutto anomale, oltre che estranee all’azienda: la caduta del ponte di Genova e la pandemia COVID.
  4. L’incertezza regolatoria italiana  che ha caratterizzato particolarmente gli ultimi periodi è probabilmente in via di risoluzione e l’espansione estera di ASTM sta procedendo come da piano industriale.

 

Come ABS Consulting SCF, dopo aver espresso telefonicamente le proprie perplessità all’Investor Relator, abbiamo scritto in data 23 febbraio una nota alla società ASTM con le seguenti considerazioni:

 

A nostro modesto parere, ci sembra che nella valutazione del prezzo congruo di OPA non si possa fare riferimento al prezzo degli ultimi 6-12 mesi, trattandosi oltretutto di azienda operante nelle infrastrutture  che ha progetti con visibilità molto più lunga, ma tale valutazione debba essere fatta tenendo conto anche delle aspettative future e dei progetti in corso, se pur non ancora ultimati.
Le valutazioni su ASTM  di case di investimento come Kepler Chevreux e Equita variavano tra €24,5 e €27 per azione, tenendo conto dello scenario più sfavorevole.
In un’ottica poco più ottimistica, ovvero nell’ipotesi di riconferma delle concessioni e dei piani finanziari delle  A10, A6,A5, e A15 e la risoluzione del contenzioso sulla A21, la valutazione di ASTM salirebbe immediatamente almeno a €30 per azione, ipotizzando oltretutto che non vi sia alcuna gara estera in corso.

Alla luce di queste considerazioni, in qualità di consulenti finanziari indipendenti, ancorché di piccole dimensioni, e di rappresentanti degli interessi di alcuni piccoli azionisti, riteniamo che il prezzo di OPA proposto non sia equo e che gli offerenti debbano tenere conto, oltre della favorevole opportunità fornita dal momento contingente, degli interessi anche degli azionisti di minoranza che da decenni seguono ASTM.
Pur non operativi, come azionisti di minoranza riteniamo in qualche modo di dare comunque il nostro piccolo contributo allo sviluppo della società, che vorremmo vedere valorizzato e riconosciuto soprattutto in queste circostanze eccezionali.

 

Alla stessa valutazione giunge anche Assogestioni giudicando NON corretta la valutazione di €25,60 per azione e dando mandato alla ricerca di un advisor finanziario che dovrà valutare la congruità dell’offerta viste le prospettive di crescita sui mercati esteri della società.

Il periodo dell’OPA non è ancora iniziato e quindi non si possono ancora valutare le adesioni, ma è auspicabile che la società proceda a un rilancio per il buon successo dell’operazione e nel rispetto degli investitori che hanno sempre creduto nella capacità di business dell’azienda.

 

AGGIORNAMENTO DEL 11 MARZO 2021

 

Lazard Asset Management, azionista con il 5,5%, ha fatto sapere che non aderirà all’offerta lanciata da Gavio-Ardian per il delisting se le condizioni non verranno riviste, scrive MF, citando una lettera in cui Lazard sottolinea come il prezzo offerto sia inferiore al valore intrinseco del titolo.

Commento ABS CONSULTING SCF & Mazziero Research
Quella di Lazard è una voce autorevole e si affianca a quanto da noi indicato nell’articolo. Probabilmente l’OPA su ASTM verrà avviata ai prezzi indicati (€25,60 per azione) ma poi probabilmente vi saranno due strade:

      1. Rilancio a un prezzo superiore per convincere gli investitori a consegnare i titoli
      2. Anullamento dell’OPA in quanto considerata troppo onerosa. In tal caso è possibile che in un primo tempo i prezzi possano scendere leggermente a fronte di vendite di chi non è interessato a detenere il titolo, ma poi dovranno riprendere il loro valore ben al di sopra dei prezzi correnti. In tal caso restare azionisti non sarebbe una cattiva idea.

 

AGGIORNAMENTO DEL 17 MARZO 2021

 

La società ASTM, in merito all’OPA totalitaria promossa da NAF 2, ha informato che la Consob ha richiesto delle informazioni supplementari sul documento di offerta depositato il 12 marzo.

A seguito di tale richiesta vengono sospesi i termini dell’istruttoria  per l’approvazione del Documento di Offerta fino al completamento del quadro informativo e, in ogni caso, per un periodo non superiore a 15 giorni a far data dal 16 marzo 2021.

Commento ABS CONSULTING SCF & Mazziero Research
Difficilmente la richiesta di ulteriori informazioni è legata alla determinazione del prezzo e al reale valore della società, tuttavia pur rientrando nelle normali prassi autorizzative di Consob ciò rafforza la necessità di un particolareggiato esame dell’Offerta, viste le numerose perplessità sollevate e ben descritte nell’articolo.

 

Avvertenza: l’articolo ha esclusivamente finalità informative e non costituisce sollecitazione all’investimento; ogni lettore è personalmente responsabile per le conseguenze di qualsiasi natura nell’utilizzo di questo materiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *